Immagine non trovata
Il sindaco Giovanni Sartori questa mattina ha messo la sua firma in calce all'ordinanza: chiusi i parchi pubblici, così come le aree verdi pubbliche recintate e non recintate per cercare di contrastare la diffusione del Coronavirus.

"La decisione - spiega il sindaco - è un po' sofferta ma è stata presa alla luce del chiarimento avuto nel pomeriggio di martedì con il Prefetto Patrizia Palmisani, che ci ha aiutato a interpretare nel modo corretto il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri".

Il pensiero di Sartori, in particolare, va alle famiglie e ai ragazzi: "Mi rendo conto che con le scuole chiuse i parchi pubblici siano una valvola di sfogo per tutti. Il Prefetto, tuttavia, ha ribadito che la logica del provvedimento del Governo è quella di fare rimanere in casa i cittadini e, comunque, di salvaguardare il rispetto del metro di distanza in ogni luogo. Gli atteggiamenti riscontrati in questi giorni ci impongono di intervenire con questa ordinanza".

Il provvedimento ha validità fino al 3 aprile. Per i trasgressori è prevista la denuncia ai sensi dell'articolo 650 del Codice penale, che prevede l'arresto fino a tre mesi.

Ultimo aggiornamento

Lunedi 27 Luglio 2020