Brianzacque: prelievo gratis alla casa dell'acqua in questa fase di emergenza Covid

Data:
16 Novembre 2020
Immagine non trovata

Continua il servizio gratuito di erogazione di acqua delle casette. Con l’arrivo della seconda ondata della pandemia e con il Covid che sta colpendo duramente le zone dell’ambito gestito , BrianzAcque ha deciso di mantenere la distribuzione di H20 a costo zero. Per poter spillare l’acqua dai chioschi è tuttavia indispensabile essere muniti dell’apposita tessera e osservare in modo scrupoloso le regole igienico sanitarie e quelle relative al distanziamento sociale.

Il prelievo gratis di risorsa idrica, introdotto già con il lockdown di primavera, rientra nell’ambito di una ben più vasta serie di iniziative intraprese dalla local utility dell’idrico fin dalle prime fasi dell’emergenza in favore della comunità locale. “Il riacutizzarsi della pandemia – afferma Enrico Boerci, presidente e amministratore delegato di Brianzacque -, in particolare nella nostra Brianza, ci ha indotti a prolungare quella che a tutti gli effetti riteniamo una facilitazione verso i cittadini, in quanto permette di risparmiare, di rifornirsi di acqua evitando luoghi al chiuso e di fare del bene all’ambiente, bisognoso di cure”.

Mai come in epoca Covid, le attenzioni nei confronti della salvaguardia del nostro pianeta si sono moltiplicate. E il sistema di self service idrici di BrianzAcque contribuisce anch’esso, per la propria parte, ad abbattere l’inquinamento. Come evidenziato dal bilancio di sostenibilità presentato di recente, nel 2019, le postazioni idriche di Monza e Brianza, con una forte riduzione dell’uso delle bottiglie di plastica, hanno evitato che 986 tonnellate di anidride carbonica (C02) finissero in atmosfera.

Attualmente, il parco casette di BrianzAcque si compone di 73 unità, ponendosi nel panorama nazionale, come uno tra i più folti. Ciò nonostante, l’azienda per il 2021 si è data l’obiettivo di installare nuovi chioschi portandoli così a toccare i 100. Un numero che, oltre a consentire di averne almeno uno in tutti i 56 comuni del territorio gestito, permetterebbe di implementarne la presenza in quei pochi centri popolosi dove il rapporto tra abitanti e chioschi risulta ancora troppo basso.

I chioschi distribuiscono acqua a Km.0 nelle versioni liscia e gasata, fredda e a temperatura ambiente. Di fatto si tratta della stessa prelevata dall’acquedotto, ma ulteriormente affinata, rispetto a quella che esce dal rubinetto. Tra la popolazione il servizio è apprezzato e largamente utilizzato. 

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 25 Novembre 2020