Io non rischio 2021 Bovisio Masciago - Il Sistema di allertamento del Comune di Bovisio Masciago

Immagine non trovata

Il Perché del servizio Allerta:
 
La procedura di allertamento  è stata definita dal  Dipartimento di Protezione Civile ed è valida su tutto il territorio nazionale ed in esecuzione della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del  27 febbraio 2004 e la Regione Lombardia con :  D.g.r. 17 dicembre 2015 e  D.g.r. XI/4114 in data 21 dicembre 2020 e  successivamente  con D.g.r . XI/4219 in data 25 gennaio 2021 ha provveduto ad aggiornare e revisionare la direttiva regionale del 2015  per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento per i diversi rischi (idrogeologico, idraulico, temporali forti, neve, valanghe, vento forte, incendi boschivi
In ragione della direttiva e del realtivo aggiornamento sono  state introdotte alcune modifiche delle zone omogenee di allertamento.

Le zone omogenee individuate per il  Comune di Bovisio Masciago  sono : per il rischio IDROGEOLOGICO-IDRAULICO  (temporali, vento, rischio idraulico) è identificata con il codice IM09; per il rischio NEVE  è identificata con il codice NV-11;   per il rischio INCENDI BOSCHIVI   è identificata con il codice IB-09 ed in ultimo  sono stati  confermati i codici colore per individuare il livello di criticità con la seguente equivalenza:

  • codice VERDE = criticità ASSEZA DI CRITICITA'
  • codice GIALLO = criticità ORDINARIA
  • codice ARANCIONE = criticità MODERATA
  • codice ROSSO = criticità ESTREMA 

La direttiva prevede che  il Centro Funzionale di Monitoraggio Rischi Naturali (CFMR) attivo presso la Sala Operativa Regionale di Protezione civile, invii ai Comuni  le comunicazioni di criticità a partire dal codice GIALLO.

Per talune aree gravate da particolari situazioni critiche sono stati inoltre aggiornati gli strumenti modellistici a supporto dell’emissione di Avvisi di criticità localizzati, attività non prescritta da alcuna norma nazionale, ma adottata da Regione per cercare di supportare al meglio le attività di contrasto da attivare in sede locale sulle situazioni più gravi e frequenti.

Si ritiene importante far conoscere la  materia di allertamento introdotte da Regione Lombardia allo scopo di migliorare l’efficacia delle azioni di contrasto al  rischio ed alle sue conseguenze da mettere in atto in sede locale in favore della salvaguardia dell’incolumità e della salute dei cittadini, nonché della minimizzazione dei danni ai beni ed all’ambiente. Il Fiume Chiama - Versione Sfogliabile

Il Comune di Bovisio Masciago, nell’ambito di una doverosa attività di prevenzione e previsione ed informazione ai cittadini  in tema di Protezione Civile, ha scelto di rendere note, le “comunicazioni di allerta” e gli “avvisi di criticità” così come inoltrati da Regione Lombardia e consultabili al link ALLERTE IN CORSO anche attraverso la pubblicazione sul sito e le pagine dei  “social network” più comunemente utilizzate dotandosi altresì di una Stazione meteo di Bovisio Masciago e di un sistema di monitoraggio dei livelli del torrente Seveso consultabile dal sito (MOCAP).

In particolare le comunicazioni di allerta CODICE GIALLO saranno pubblicate on line sul sito web istituzionale nella sezione avvisi  e sulle le pagine dei social network dedicate (Facebook).

Al verficarsi  dai casi di MODERATA CRITICITÀ, CODICE ARANCIO ed ESTREMA CRITICITÀ, CODICE ROSSO, in aggiunta alle pubblicazioni su sito web istituzionale nella sezione avvisi  e social network verrà inviato un SMS ed una e.mail agli utenti iscritti al Servizio di ALLERTA SMS.

Per sapere quali sono queste pratiche e quali comportamemti virtuosi adottare in caso di ALLERTE di Protezione Civile guarda i video  e clicca  QUI  per scarica l'allegato "io non rischio" buione pratiche di Protezione Civile e tienilo a portata di mano.
 
Si segnala altresì che tramite l'App  allertaLOM  (scaricabile da Google Play Store) è possible consultare  su browser web, smartphone e tablet le allerte meteo in tempo reale 

Chi fosse interessato a saperne di più può consultare il documento di aggiornamento della direttiva pubblicata sul sito regionale di protezione civile.